HEADER_SITOWEB_SIGN2016

 .
  .
EDIZIONE 2016
  .
Sa Reina
Sonetàula
Maschere di Carta
Paska Devaddis
Caccia Grossa
La Notte delle Fiaccole
  .
.<--  Indietro

MASCHERE DI CARTA
Fuochi e Simboli della Sardegna Carnascialesca

Rito, Ritmo, Poesia

Drammaturgia – Felice Montervino e Andrea Congia

Produzione – Casa di Suoni e Racconti

Felice Montervino – voce recitante
Andrea Congia – chitarra classica/synth

Le maschere velano la verità. Racchiudono abissi di significati e li rappresentano. Dischiudono il mistero della cadenza di un incandescente Cuore Danzante. Nascondono il Vuoto nella Forma e lo colmano con i Segni e l’Agire. Parola e Musica scoprono fatti, pensieri, desideri celati, tra un’espressione e l’altra, nelle pagine della Letteratura. Tra gli ancestrali fuochi del Carnevale rappresentati dai roventi battiti del musicista Andrea Congia,
avanzano i vivi versi interpretati da Felice Montervino.
Ultimi ardenti sussulti prima di una nuova quiete.

Il Progetto
Nato nel 2016 in seno al percorso artistico della Casa di Suoni e Racconti, Maschere di Carta è uno Spettacolo venuto alla luce per raccontare i Carnevali della Sardegna. Un arcipelago di brani, un’antologia di Poesie e Racconti attraverso i quali percorrere itinerari misteriosi in un’Isola di Suoni e Colori e cerimoniali propiziatori. Una miscellanea delle Memorie letterarie di importanti Autori Sardi dedicate ai riti dei fuochi, delle maschere, delle danze, del confronto tra uomini e bestie, dei cavalieri, dei re e dei fantocci.

Il Carnevale Sardo e la Letteratura
Sopravvivono ai miti della modernità le pagine dedicate ai Carnevali Sardi: dall’analisi di Frantziscu Masala, che li descrive come teatralità ancestrali, alle creazioni poetiche di Bonaventura Licheri, Francesco Alziator, Aquilino Cannas e Eliano Cau, che li raffigurano nei luoghi e nella Storia; dai lavori teatrali di Emanuele Pili, e ancora di Frantziscu Masala, dedicati alle maschere popolari e al tipico capovolgimento della Società, alla cronaca di Sergio Atzeni che con il carnevale cagliaritano racconta il degrado urbano.